Cerca nel blog

martedì 9 agosto 2011

Sarde a beccafico


Ecco un'altra ricettina della mia mamma :) è un pochino più elaborata, ma non è difficile da realizzare se avete pazienza :)
ecco cosa vi serve per quattro persone :
- 1 kg di sarde
- mollica di pane bianco ( un piattino )
- 150 grammi circa di pangrattato
- pecorino ( un cucchiaio )
- foglie di alloro ( una per involtino )
- 50 grammi circa di uvetta
- 30 grammi di pinoli
- pasta di sarde o un paio di sarde salate
- 2 limoni
- pepe nero
- sale
- olio
- zucchero

Passiamo alla preparazione..
Pulite le sarde, apritele a libro, privatele delle lische e della testa e sciacquatele.
Salatele leggermente e mettetele da parte in una ciotola..


Nel frattempo accendete il forno a 200° e iniziate a preparare il soffritto..
Far scaldare olio quanto basta in padella e quando sarà caldo unire il pangrattato e farlo soffriggere dorandolo bene..


Metterlo in una ciotola capiente avendo cura di tenerne da parte tre cucchiai per dopo ( servirà a spolverizzarlo sugli involtini prima di infornarli )...
Soffriggere dopo la mollica di pane spezzettata fino ad ottenere una leggera doratura..


Metterla nella ciotola insieme al pangrattato precedentemente soffritto, far raffreddare leggermente per non ustionarsi le dita impastando :) ed aggiungere un pò di pasta di sarde o due sarde salate precedentemente sciacquate dal sale e spezzettate , un cucchiaio di pecorino , un pizzico di sale e uno di pepe nero..


Unire successivamente l'uvetta , i pinoli tagliati a pezzettini ed un filo d'olio di oliva ed impastare..


Non appena il tutto sarà ben amalgamato possiamo iniziare a comporre i nostri involtini di sarde..


Prendiamo una sarda precedentemente pulita ed aperta a libro e mettiamo un pò di ripieno vicino alla parte alta della sarda per arrotolarla agevolmente..


Arrotoliamola e mettiamola in una teglia con una foglia di alloro ed una fettina non troppo spessa di limone..


Continuiamo così fino a terminare le sarde..mettendo sempre una foglia di alloro ed una fettina di limone tra un involtino e l'altro..


Adesso spolverizzare il pangrattato precedentemente messo da parte sugli involtini, una spruzzatina di limone ed una leggerissima spolveratina di zucchero ed ecco che gli involtini sono pronti per andare in forno..


Cuocete a 200° per circa 15/20 minuti , finchè la superficie non sarà dorata ed ecco che i nostri involtini sono pronti da gustare..


Buon appetito!!

Sarde allinguate



Ecco una ricettina sfiziosa a base di pesce, ricettina della mia mamma che gentilmente ha deciso di collaborare con il mio blog :) è una ricetta semplicissima da realizzare ma ottima..
Ecco cosa vi serve per quattro persone :
- 1 kg di sarde
- farina
- olio per friggere
- aceto
- sale

Passiamo alla preparazione..
Squamate le sarde, apritele a libro ed eliminate le spine, la lisca centrale e la testa, lavatele e salatele, mettetele poi in una ciotola capiente e ricopritele con abbondante aceto..
Tenetele sotto aceto per circa mezz'ora, tre quarti d'ora..



Poi prendetele una ad una e passatele nella farina, mentre fate scaldare olio quanto basta in padella..


Friggetele finchè non saranno ben dorate, ed ecco che il piatto è pronto!!



ed è ottimo ve lo assicuro..provare per credere..




Buon appetito!!

lunedì 8 agosto 2011

Pesto alla trapanese ( pasta cull'agghia )



Oggi vi propongo una ricetta tipica della mia zona, la cosiddetta "pasta cull'agghia" ossia pasta con pesto all'aglio. Ecco cosa vi serve per quattro porzioni :

- 600 grammi circa di busiate
- basilico fresco ( circa 25 foglie )
- 80 grammi circa di mandorle senza buccia
- 4 spicchi di aglio
- 6 pomodori medi
- 6/7 cucchiai di olio
- sale
- pecorino



Passiamo alla preparazione...
Mettere a bollire l'acqua in una pentola capiente con una manciata abbondante di sale..la tipica pasta che si usa con questa ricetta sono le busiate fatte a mano, che potete tranquillamente trovare al supermercato, eccole..


Quando l'acqua arriverà a bollore buttate la pasta..nel frattempo prepariamo il pesto..io sono solita frullare il tutto, perchè pestando i vari ingredienti il pesto risulta più "grossolano" e può non piacere, mentre con il frullatore ne risulta una cremina liscia e che si amalgama meglio con la pasta..in ogni caso dipende dai gusti..
Per prima cosa mettete nel frullatore le mandorle..


Quando saranno ben tritate aggiungete i pomodori precedentemente spellati ( se sono ben maturi non bisogna sbollentarli prima, la buccia si toglie benissimo ) e privati internamente dei semini..


Frullateli insieme alle mandorle aggiungendo l'olio in modo da frullare il tutto agevolmente..
Poi lavate le foglie di basilico e strizzatele bene..


mettetele nel frullatore con il resto degli ingredienti e frullate il tutto..



Aggiungete adesso un cucchiaio non troppo pieno di sale ( calcolate che poi sulla pasta andrà anche una spolverata di pecorino che di per sè è un pò salato ) e gli spicchi d'aglio precedentemente schiacciati..se lo avete utilizzate l'apposito attrezzino..


altrimenti va bene ridurli a piccoli pezzettini anche con un semplice coltello..
Dopodichè frullate bene il tutto..ecco la cremina che ne risulterà..


Appena la pasta sarà pronta scolatela ed aggiungetela al pesto..



poi una spolveratina di pecorino..



Amalgamate bene..ed ecco che la nostra pasta è pronta...
Di solito viene servita con melanzane fritte o patatine fritte a seconda dei gusti e delle voglie del momento :) oggi dietro richiesta del maritozzo è stata accompagnata da una bella porzione di patatine fritte..



Buon appetito!!